ADDIO MARCO, GUERRIERO DELLA NON VIOLENZA

19 maggio 2016
19 maggio 2016, Commenti: Commenti disabilitati su ADDIO MARCO, GUERRIERO DELLA NON VIOLENZA

Marco Pannella era già un mito quando lo conobbi. Erano gli anni ’70 e il suo impegno sui diritti civili mi faceva riflettere mentre studiavo medicina all’Università Cattolica e proprio da studente lo incontrai la prima volta. Mi emozionai quando nel 2006, ritornato in Italia, raccontò quel nostro primo incontro a mia figlia che lo guardava come si guarda un saggio da ascoltare con rispetto. La stima per Marco si è accompagnata in questi ultimi anni alla gratitudine per avermi permesso di condividere alcuni progetti e momenti di grande intensità. Come potrei dimenticare quando mi venne a prendere per accompagnarmi a casa di Pier Giorgio Welby, dove incontrai Pier Giorgio e Mina, o quando mi chiuse nel salotto di casa mia per ore per cercare di convincermi a entrare nel Partito Radicale prima delle elezioni per il Parlamento Europeo nel 2009. O la marcia per la giustizia nel dicembre 2013, quando Marco si presentò con l’immancabile sigaro e un cappello da babbo natale con scritto sopra “Amnistia”.

Non eravamo sempre d’accordo ma io gli ho voluto un grandissimo bene e so che ero ricambiato. A volte mi sgridava perchè non condivideva alcune mie decisioni. Io non ebbi mai il coraggio di sgridarlo sulle scelte politiche ma, ogni tanto, mi prendevo la libertà di farlo in occasione degli scioperi della sete quando alcuni valori nel sangue, come la creatinina e l’azoto ureico, salivano pericolosamente mettendo a rischio la sua vita. Marco se la rideva e continuava a fumare. Testardo, risoluto, irremovibile, visionario.

Ecco Marco siamo in tanti ad aver appreso qualcosa da te. Per quello che mi riguarda non dimenticherò mai che oltre le doti che tutti ti riconoscono avevi anche dolcezza e signorilità e quelle carezze che ogni tanto mi hai dato sul volto sono entrate nel mio cuore e le ricorderò per sempre.

Ignazio R. Marino

Comments are closed.