Linee programmatiche

Roma deve essere una città che funziona, che accoglie, che si prende cura delle persone, che attrae giovani e investimenti. Una città che torna all’altezza della sua fama nel mondo. Per riuscirci investiremo sulla sua  bellezza e sul suo orgoglio, sulle sue grandi risorse e sulle sue straordinarie energie, sulle capacità delle sue donne, dei suoi uomini, delle ragazze e dei ragazzi che la vivono. E, pur in una situazione di crisi economica, non effettueremo alcun taglio sui servizi alle persone con fragilità sociali, sul trasporto pubblico, sui servizi scolastici e sulla cultura, che costituiranno le nostre priorità.

Faremo in modo che Roma rialzi lo sguardo e guardi al futuro con ottimismo e decisione, con l’umiltà di chi riconosce la difficoltà dei tempi e del percorso. Lo faremo a partire dalle priorità stabilite nelle linee programmatiche del mio mandato 2013-2018.


ico-funziona 

UNA CITTÀ CHE FUNZIONA

Trasporti

Investiremo sulla cura del ferro e sulla manutenzione ordinaria, per mettere in circolazione i tanti autobus e tram fermi in deposito e garantire un trasporto pubblico più pulito e regolare, più sicuro grazie alle nuove tecnologie e alle telecamere. Miglioreremo la qualità del servizio della metro B e completeremo la linea C, attivando una sinergia con Regione e Governo nazionale. Punteremo sulla mobilità sostenibile, costruendo nuove piste ciclabili e mettendo in sicurezza quelle esistenti, accrescendo il bike e car sharing e creando nuove aree pedonali.

Rifiuti

Vogliamo finalmente realizzare una corretta gestione dei rifiuti, cominciando dal rilancio industriale di Ama. Sensibilizzeremo i cittadini e le cittadine per incrementare la raccolta differenziata, anche quella non domestica, e chiuderemo per sempre Malagrotta.

Efficienza amministrativa

Investiremo in intelligenza e innovazione, in tecnologia e semplificazioni nel rapporto con i cittadini. Valorizzeremo le competenze interne, così da incrementare la produttività della macchina amministrativa. Allineeremo i costi di gestione dei servizi ai migliori standard nazionali e internazionali, stabiliremo obiettivi puntuali in base ai quali valuteremo l’operato e i compensi dei manager. Nella politica di bilancio inseriremo il criterio dell’equità fiscale per giovani, anziani e fasce sociali più esposte alla crisi economica. Una maggiore equità che perseguiremo con una maggiore flessibilità dell’Isee e accrescendo l’efficienza nella riscossione dei tributi locali e nel contrasto all’elusione fiscale.

Trasparenza

Faremo un’operazione verità sullo stato dei conti capitolini e su quello delle municipalizzate. Promuoveremo la partecipazione attiva dei cittadini, anche attraverso assemblee pubbliche.

Municipalizzate

La nuova governance sarà libera dalle spartizioni politiche e passerà da strutture snelle, vincolate a obiettivi di bilancio e di sviluppo dei servizi.  Selezioneremo i manager sul merito e le competenze. Faremo in modo che Ama, Atac, Acea e tutte le altre municipalizzate e partecipate siano amministrate correttamente dal punto di vista gestionale e finanziario e siano orientate al futuro con un piano strategico di sviluppo industriale chiaro, articolato e a lungo termine.

Collaborazione istituzionale

Le istituzioni devono aprirsi all’ascolto, al dialogo e alla partecipazione. Per questo abbiamo istituito la conferenza dei presidenti dei Municipi e inviteremo in via permanente ai lavori della Giunta un loro rappresentante. Abbiamo, inoltre, istituzionalizzato la collaborazione tra Comune e Regione con riunioni periodiche su temi specifici. Altra occasione su cui sfruttare la collaborazione istituzionale è l’Expo 2015, per la quale lavoreremo a un accordo con il Comune di Milano.


ico-funziona 

UNA CITTÀ CHE CURA E ACCOGLIE

Una città a misura di bambino

I bambini saranno il riferimento per ogni scelta amministrativa. Investiremo in asili nido, scuole, parchi, decoro urbano, ambiente e servizi. Ci occuperemo del lavoro dei genitori, con particolare attenzione alle donne, del tempo che impiegano a spostarsi  per accompagnare i figli a scuola, per rendere la vita di tutti i giorni più facile.

Una migliore qualità della vita

Abbiamo istituito un assessorato alla Qualità della vita e allo Sport perché vogliamo prenderci cura della salute delle romane e dei romani, promuovendo i corretti stili di vita. Per questo valorizzeremo il patrimonio di esperienze fatto di scuole, centri sportivi, palestre, associazioni, oratori, gruppi di cittadini. Una rete anche sociale diffusa e laboriosa, che desidera un interlocutore amministrativo attento.

Un nuovo welfare locale

I cittadini di qualsiasi età, ceto, etnia, provenienza e condizione personale hanno diritto di trovare sul nostro territorio servizi sociali che rispondano ai loro bisogni e che siano integrati con i servizi sanitari.

Una città più sicura per tutti

In materia di sicurezza, rispetto della legalità e lotta alla criminalità organizzata metteremo insieme competenze ed energie, in accordo con Prefetto, Questore, Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale, Guardia di Finanza e Ministeri. Garantiremo una maggiore sicurezza soprattutto alle tante donne vittime di violenza, valorizzando le tante associazioni di assistenza già presenti nella nostra città.

Rispondere all’emergenza abitativa

Valorizzeremo il patrimonio immobiliare di Roma per superare l’emergenza casa. Inoltre, al posto dei residence dove risiedono migliaia di persone in emergenza abitativa, forniremo agli sfrattati un buono casa con cui sottoscrivere un contratto di affitto regolare.

Verde, parchi e orti

Roma è una città verde, piena di biodiversità e di riserve naturali, oltre che di parchi e terreni agricoli. Intendiamo salvaguardare questo patrimonio perché l’ambiente è sviluppo, economia e cultura. E lo spazio che viviamo ogni giorno.


ico-funziona 

UNA CITTÀ CHE CRESCE E ATTRAE

Giovani

Metteremo a disposizione dei giovani sistemi di sostegno al reddito. In collaborazione con la Regione, li accompagneremo nell’inserimento nel mondo del lavoro e li sosterremo nell’avvio di attività imprenditoriali innovative.

Innovazione

Punteremo sulle nuove tecnologie, sulla smart city, sui giovani, cercando di far diventare Roma la capitale delle start up. Faremo crescere le idee, dialogando con università, enti di ricerca, artigiani, intellettuali, operai, studenti, per attrarre investitori dall’Italia e dal mondo.

Attività produttive

Abbiamo istituito un assessorato “Roma produttiva” per valorizzare chi produce lavoro con le sue idee, la sua iniziativa, la sua intelligenza, la sua competenza, la passione di fare impresa e rilanciare il settore.

Pedonalizzazione Fori

La pedonalizzazione dei Fori Imperiali è il primo passo verso la creazione del parco archeologico urbano più grande al mondo. Un progetto che riguarda cultura, turismo e vivibilità. Restituiremo alle romane e ai romani e a tutti i cittadini del mondo questo meraviglioso spazio pubblico nel quale passeggiare nella Storia. Simbolo di una città che rinasce.

Turismo

Intendiamo aumentare l’afflusso turistico. Per farlo, ci impegniamo a trovare soluzioni innovative per i trasporti, i collegamenti della città agli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, al porto di Civitavecchia. Lavoreremo su offerte tematiche che offrano la combinazione tra pernottamenti ed eventi. E valorizzeremo il nostro litorale con le sue risorse naturalistiche e archeologiche.

Cultura

Sosterremo nuove iniziative in ogni quartiere e in ogni periferia, valorizzando le associazioni. La cultura per noi è un settore strategico da cui generare risorse, così come ricchezza sociale. C’è maggiore sicurezza dove i teatri e le biblioteche sono aperte, dove il confronto culturale è pubblico, dove la partecipazione è alta, dove le persone ritrovano la gioia di stare insieme.

Agricoltura

Roma è uno dei più grandi comuni agricoli d’Europa, ricco di biodiversità, di produzioni d’eccellenza e di imprese nel settore agroalimentare. Cercheremo di costruire nuove opportunità per i giovani in questo settore.

Urbanistica

Faremo in modo che Roma sia una città sempre in movimento, come Londra e Berlino, con cantieri aperti ma senza consumare altro suolo agricolo. La nostra strategia è quella della rigenerazione urbana, lavorando sulle grandi strutture dismesse e concentrandoci su alcuni nodi strategici, già serviti dai mezzi di trasporto. Per farlo, censiremo dapprima l’intero patrimonio capitolino. In questa strategia, le periferie diventeranno il laboratorio di un nuovo sistema di sviluppo, con cui favoriremo l’intervento diretto dei cittadini nei piani di recupero e nella manutenzione degli spazi pubblici. Inoltre, attualizzeremo il regolamento edilizio che risale al 1934 e non è più adeguato agli standard di architettura, costruzione, tecnologia e certificazione.

Europa

Istituiremo una struttura dedicata ai rapporti con l’Unione Europea per pianificare le attività del piano europeo 2014-2020, il cosiddetto Horizon 2020, e per permettere alla nostra città di entrare nei circuiti internazionali da cui oggi siamo esclusi e accedere, così, a fondi importanti per lo sviluppo urbano, i servizi sociali, la formazione, l’innovazione e per creare nuovo lavoro.