Cambiare Roma: 2 fasi, un solo obiettivo

28 luglio 2015
28 luglio 2015, Commenti: Commenti disabilitati su Cambiare Roma: 2 fasi, un solo obiettivo

Nuovi assessori

Parte la fase due della nostra azione di governo. Una seconda fase per portare avanti l’unico obiettivo che ci siamo prefissati dal nostro arrivo in Campidoglio: Cambiare Roma.

Voglio ringraziare gli assessori uscenti Guido Improta, Silvia Scozzese, Luigi Nieri e Paolo Masini, perché ognuno di loro ha impresso una svolta fondamentale per Roma.

Grazie anche a chi come Orfini in questi mesi ha fatto squadra dentro e fuori dal Campidoglio. E grazie alla maggioranza che non mi ha mai fatto mancare il suo supporto, insieme a tutti i presidenti di municipio che sono una straordinaria forza di cambiamento della nostra città. Una vera classe dirigente per il futuro di Roma.

Voglio, inoltre, ringraziare Sel che è stata determinante in questi due anni di governo su molte aree fondamentali. Sono sicuro che l’alleanza sui contenuti, con questa forza politica e i suoi rappresentati, continuerà con rispetto reciproco e solidità.

I nuovi assessori che oggi ho presentato in Campidoglio, e che saranno al mio fianco, sono stati scelti per le loro capacità e perché davvero vogliamo triplicare gli sforzi al servizio della città. Il resto sono polemiche strumentali.

Marco Causi, Marco Rossi Doria, Luigina di Liegro e Stefano Esposito sono persone che sapranno portare alla città quei cambiamenti di cui Roma ha bisogno.

Vogliamo rispondere concretamente ai bisogni della città, per questo oggi ho presentato quelle che saranno, da questo momento in poi,  le nostre priorità.

Da quando ci siamo insediati abbiamo lavorato su molti temi, soprattutto sulla trasparenza e sulla legalità contabile. Quando sono diventato Sindaco di Roma sapevo che qui non avrei trovato la stessa situazione di rigore e trasparenza di Stoccolma, ma non immaginavo di trovare casse vuote, disavanzo di quasi un miliardo, criminalità organizzata e corruzione. Con una battuta dico che l’unica cosa che mancava lungo il percorso del Campidoglio erano le mine anti uomo.

Adesso abbiamo obiettivi concreti con tempi certi e risultati visibili a partire da subito scegliendo aree strategiche: decoro, trasporti, pulizia, casa, rigenerazione urbana.

Nella presentazione che segue trovate una sintesi delle nostre priorità. 

Comments are closed.